La storia dei Tarocchi

 

La storia dei tarocchi è antichissima anche se solo ai giorni nostri, queste carte sono diventate famose per l’arte divinatoria di conoscere il futuro. Moltissime persone non sanno che durante il Rinascimento, le Immagini degli Dei Antichi, suscitavano sempre un collegamento a miti e leggende e proprio in quel periodo nacque il gioco dei Tarocchi. Una variante che unica diversi rappresentati del pantheon greco affiancati alle virtù cristiane.

In quell’epoca i tarocchi veniva considerato un gioco di memoria, poi agli inizi del '500 qualcosa cambio e si iniziò a pensare seriamente all’iconografica delle figure che si trasformarono in diverse interpretazioni.

Solo nel '700 fu scoperto che i tarocchi potevano essere utilizzati a livello esoterico e furono scritti i primi libri che parlavano del mondo di queste carte in maniera diversa dal gioco. Bisogna anche andare indietro nei tempi per vedere i collegamenti tra tarocchi e cartomanzia già nel 1500, quando le persone che iniziavano a trasmettere l’arte della divinazione erano considerate pazze. Dopo una serie di divieti l’utilizzo dei tarocchi per uso magico, inizio solamente nel XVI secolo, quando i tribunali inquisitori cercano di bloccare subito questa pratica.

storia dei tarocchi

Fu Venezia la prima città nel 1586 a prendere provvedimenti severi sulle persone che utilizzavano le carte dei tarocchi come rituale svolto su un altare. Nonostante questi divieti nel corso dell’Ottocento, furono stampati in Francia, Italia e Germania centinaia di mazzi da divinazione che nelle maggior parte dei casi, non centravano nulla con i tarocchi ma erano legati al mondo dell’interpretazione dei sogni.

899.166.216
73 cents al minuto iva inclusa

Queste testimonianze fanno capire nel dettaglio che i tarocchi non hanno mai sentito la crisi, tranne per i periodi di divieti. Secondo alcuni sociologi l’utilizzo dei tarocchi nella cartomanzia è sinonimo di irrazionalità, voi che cosa ne pensate? E’ davvero così?

lettura carte